Il Riccio

        In  Maremma vivono anche i Ricci:

E' un Mammifero appartenente all'Ordine degli Insettivori, Famiglia Erinaceidi. È diffuso in tutta l'Europa e in gran parte dell'Asia settentrionale; vive nella macchia e nei boschi sia in pianura che in montagna al di sotto dei 1600m, e si può trovare anche in campi, praterie e giardini. In tutta la Maremma è molto facile da vedere ed è un animale che caratterizza la zona. 

Viene chiamato colloquialmente porcospino, ma l'uso è improprio poiché quest'ultimo termine designa più correttamente l'istrice. 

Il riccio presenta caratteristiche morfologiche arcaiche (come la formula dentaria e la conformazione del cervello) che lo accomuna ai primi mammiferi comparsi sulla Terra al termine del Cretaceo, rispetto ai quali non si è differenziato di molto: nel corso di milioni di anni ha solamente evoluto il rivestimento di aculei che tanto lo caratterizza agli occhi dell'uomo.


Poco socievole con abitudini crepuscolari e notturne, mentre durante il giorno si nasconde nella propria tana di paglia e foglie, situata nelle cavità dei tronchi, sotto le rocce o nei cespugli.







Procede sul terreno lentamente, esplorando e fiutando qualsiasi oggetto che incontra perché ha la vista poco sviluppata. In compenso ha un udito ed un olfatto finissimi, riuscendo addirittura a sentire gli insetti muoversi sotto terra. La difesa personale del riccio  è  lanciare i suoi aculei al primo rumore sospetto. Dopo di che si appallottola stretto, nascondendo capo e zampe per trasformarsi in una sfera spinosa difficilmente attaccabile. Il riccio si appallottola anche se gli succede qualcosa per evitare di ferirsi. 
La sua dentatura è completa, formata da 44 denti aguzzi e taglienti, ed è particolarmente adatta a triturare gli insetti.

Per favore non gli schiacciate!!