I Love Castiglione: il primo logo



PRESENTAZIONE del primo  LOGO “I Love Castiglione”

Il logo di un brand, secondo la mia opinione, deve essere originale ma non troppo innovativo per non disorientare l’utente; al tempo del web 2.0 deve essere semplice (come dimostra l’evoluzione del logo di Apple, Microsoft, Rai, ecc.) ma il suo essere minimalistico deve contemplare l’unicità e l’immediatezza della risposta emotiva che produce nello spettatore. I logo più elaborati, tipici degli anni ‘90 sono stati via via soppiantati da immagini semplici, facilmente riproducibili e alterabili per renderli accattivanti e rallentare il loro naturale processo di “invecchiamento” .


Castiglione della Pescaia come molte città turistiche è legata ai ricordi delle persone, all’infanzia passata al mare, a brevi fughe dalla città, alle vacanze... possiamo dire che tutti portano nel cuore una parte del paese anche quando se ne sono andati... il CUORE... l’organo dell’amore, della sensibilità, delle emozioni... quale parte potrebbe rappresentare con maggior adeguatezza una città famosa per la sua bellezza, ricca di storia e cultura che ha stregato persino il famoso scrittore Italo Calvino. 

Un “Castello”... sicuramente non rappresenta solo l’immagine principale del logo comunale, ma l’inconfondibile vista che si gode dalla costa castiglionese, e il vero e proprio punto di riferimento del Paese.

Da queste due considerazioni prende forma il logo propostovi, che richiamando il battito cardiaco traccia le linee della città, come se le emozioni potessero comandare non solo la nostra mente ma anche il nostro vivere...

L’uso del suffisso “I LOVE ___” usato e abusato in tutto il mondo porta svantaggi ma anche molti vantaggi:

SVANTAGGI: se consideriamo la parola latina “imitatio” “imitare-copiare”, usare uno slogan vincente e riprenderlo per rafforzare la propria immagine, perdendo di unicità e di una vera e propria identità che verrà comunque sempre sovrastata dall’originale.

VANTAGGI: se consideriamo la parola latina “aemulatio” “emulare con l’intendo di migliorare, superare l’originale”, creare un distacco dal predecessore, per i colori, il font, o il logo grafico abbinato; sfruttando i pregi di un logo facilmente riconoscibile ed dal messaggio identificabile in tutto il mondo, ma apportando creatività e unicità contraddistinguendo non solo un paese per il nome, ma anche a livello visivo con la sagoma del castello, ribadendo la sua territorialità e la peculiarità geografica.

Il font “disegnato” sembra opera di un bambino, che ricorda le sue vacanze con queste linee approssimative ma per questo dolci e tenere, che controbattono con l’altalenarsi regolare e preciso dell’elettrocardiogramma. Un ossimoro che attira l’attenzione, per semplicità di linee, immediatezza e chiarezza nel messaggio finale. Con punti di vista differenti a seconda del target generazionale, ma efficiente nella comunicazione positiva e nell’immedesimazione della persona stessa nel brand.

Un logo giovane, facilmente adattabile a vari supporti, colori, dimensioni e sintomatico dello stare bene a Castiglione, del ribadire il proprio “amore” verso questa terra.